Top 10: Opere d'arte rubate e mai ritrovate

Ecco quali sono le più famose opere d'arte rubate e mai ritrovate, dall'unico paesaggio marino di Rembrandt a un autoritratto di Raffaello.

Top 10: Opere d'arte rubate e mai ritrovate

L'arte è una delle merci più preziose al mondo e non stupisce che musei e gallerie siano spesso di mira da bande di ladri che progettano colpi redditizi. Solo qualche settimana fa, il 26 novembre 2018, un Renoir valutato 180.000 dollari è stato sottratto dai muri della casa d'aste viennese Dorotheum. Sebbene alcune opere vengano recuperate, la maggior parte scompare per sempre: ecco quelle più famose.

1. Il concerto, Johannes Vermeer

Il concerto, Johannes Vermeer, olio su tela, 1664.
Il concerto, Johannes Vermeer, olio su tela, 1664.

Scomparso nel più grande furto della storia dell'arte, il Concerto di Vermeer è considerato il più prezioso dipinto andato perso e mai ritrovato: la sua stima è di 200 milioni di dollari. A rubarlo nel 1990 furono tre uomini travestiti da poliziotti, che lo portarono via insieme ad altri 12 capolavori. Nessuna delle opere è stata più ritrovata  e il valore totale del furto fu di circa 500 milioni di dollari. Il dipinto risale al 1664 e raffigura una pacifica scena domestica eseguita con la magistrale manipolazione di luce e dettagli tipica di Vermeer. All'interno di una stanza illuminata dal sole, un uomo e una donna suonano un liuto e un clavicembalo mentre un'altra donna canta.

2. La tempesta del mare di Galilea, Rembrandt van Rijn

La tempesta del mare di Galilea, Rembrandt van Rijn. 1633, olio su tela.
La tempesta del mare di Galilea, Rembrandt van Rijn. 1633, olio su tela.

Rubato nello stesso colpo del Vermeer, La tempesta del mare di Galilea è l'unico dipinto marittimo di Rembrandt, che lo realizzò nel 1633. La tela ritrae Gesù mentre calma la tempesta infuriata durante la traversata del Mare di Galilea con i suoi discepoli. Il maestro olandese ha inserito nell’opera gli elementi caratteristici del barocco, esaltando la drammaticità della scena attraverso il chiaroscuro per sottolineare la furia della tempesta, il panico degli apostoli e il significato del miracolo di Gesù.

3. Piccione con piselli, Pablo Picasso

Piccione con piselli, Pablo Picasso. 1911, olio su tela.
Piccione con piselli, Pablo Picasso. 1911, olio su tela.

Una delle opere di cubismo analitico di Pablo Picasso, Piccione con Piselli, venne trafugata da un museo parigino nel 2010 insieme ad altri quattro dipinti per una stima di 120 milioni di dollari. Il lavoro è emblematico del movimento del cubismo analitico che, fondato da Picasso e Braque, univa forme geometriche a una tavolozza di colori neutri. Il responsabile fu messo in manette, ma affermò che il dipinto era andato distrutto.

4. Fiori di papavero, Vincent Van Gogh

Fiori di papavero, Vincent van Gogh. 1887, olio su tela.
Fiori di papavero, Vincent van Gogh. 1887, olio su tela.

Fiori di Papavero di Vincent van Gogh venne sottratto al Museo Mohamed Mohmoud Khalil del Cairo, Egitto, nel 2010 e non è mai più stato ritrovato. Stimata 50 milioni di dollari, l'opera fu dipinta nel 1887, tre anni prima del suicidio di van Gogh. Si dice che il soggetto e la tavolozza dei colori di Fiori di Papavero sia stata ispirata alle opere del pittore francese Adolphe Monticelli, che utilizzava tonalità vivaci e sfondi scuri per creare scene drammatiche e romantiche allo stesso tempo.

5. Natività di San Francesco e San Lorenzo, Caravaggio

Natività con San Francesco e San Lorenzo, Caravaggio. 1600, olio su tela.
Natività con San Francesco e San Lorenzo, Caravaggio. 1600, olio su tela.

Caravaggio fu incaricato di dipingere Natività con San Francesco e San Lorenzo nel 1600. Per oltre 350 anni, il dipinto è rimasto appeso sopra l'altare dell'Oratorio di San Lorenzo, una chiesa barocca di Palermo. Nel 1969, il luogo sacro fu probabilmente saccheggiato dalla mafia siciliana, che trafugò il Caravaggio e altri pezzi di valore.

6. Ritratto di un giovane, Raffaello

Ritratto di un giovane, Raffaello. 1514, olio su tavola.
Ritratto di un giovane, Raffaello. 1514, olio su tavola.

Raffaello fu uno dei più stimati pittori del Rinascimento (insieme a Leonardo e Michelangelo), noto per le grandiose scene religiose. Ritratto di un giovane è presumibilmente un autoritratto e fu realizzato intorno al 1513-14. Nel 1798, il dipinto venne acquistato da un principe polacco che lo portò nel suo museo di famiglia a Cracovia. Nel 1939, quando i nazisti invasero la Polonia, un discendente del principe cercò di nasconderlo ma fu scoperto dalla Gestapo, e il quadro divenne parte della collezione del nazista Hans Frank. Quando Frank fu arrestato nel 1945 per crimini di guerra, il dipinto non fu trovato tra le sue proprietà. Si ritiene che valga più di 100 milioni di dollari.

7. Pannello con i giudici giusti del Polittico dell'Agnello Mistico, Jan e Hubert Van Eyck

Pannello con i giudici giusti del Polittico dell'Agnello Mistico, Jan e Hubert Van Eyck. 1432, olio e tempera su pannello di legno.
Pannello con i giudici giusti del Polittico dell'Agnello Mistico, Jan e Hubert Van Eyck. 1432, olio e tempera su pannello di legno.

Tra le pale d'altare più importanti  del mondo, il polittico di Gand fu commissionato per la cattedrale di San Bavo all'inizio del XV secolo. Jan Van Eyck, rinomato pittore fiammingo, fu scelto per progettare la pala d'altare insieme al fratello Hubert. La pala è composta da 12 pannelli: i primi sei raffigurano Gesù Cristo, la Vergine Maria, Giovanni Battista e Adamo ed Eva, i restanti l'adorazione dell'agnello, circondato da apostoli, profeti, santi e soldati. Il cosiddetto pannello dei giudici giusti, in basso a sinistra, fu rubato nel 1934. Il governo belga rifiutò le richieste di riscatto ricevute, e nonostante le speculazioni sull'identità del ladro siano molte, il pannello è ancora mancante.

8. Veduta di Auvers-sur-Oise, Paul Cezanne

Veduta di Auvers-sur-Oise, Paul Cezanne. 1879-1882, olio su tela.
Veduta di Auvers-sur-Oise, Paul Cezanne. 1879-1882, olio su tela.

A mezzanotte del 1 gennaio 2000 il museo d'arte dell'Università di Oxford, Inghilterra, fu vittima di un furto in stile Mission Impossible. Il ladro frantumò il lucernario del museo e si calò nel museo per rubare un importante paesaggio di Paul Cézanne azionando una macchina del fumo che bloccò le telecamere di sicurezza. Veduta di Auvers-sur-Oise fu dipinto da Cézanne tra il 1879-1882 nelle prime fasi della sua carriera. L'opera funge da ponte tra le sue opere precedenti e la trasformazione verso lo stile post impressionista per cui è famoso. Era stato donato al museo dell'Università di Oxford da una coppia di rifugiati tedeschi fuggiti lì durante la seconda guerra mondiale. Il suo valore si aggira intorno ai 5 milioni di dollari.

9. Il ponte di Charing Cross, Claude Monet

Il ponte di Cross Bridge, Claude Monet. 1901, olio su tela.
Il ponte di Cross Bridge, Claude Monet. 1901, olio su tela.

Caratteristico dello stile impressionista sognante di Monet incentrato sull'interazione tra luce e colore, il dipinto fa parte di una serie realizzata a Londra tra il 1899 e il 1905. Utilizzando una tavolozza di colori grigio pallido, blu e verde, Monet cattura l'inquinamento fumoso di Londra che fonde acqua e cielo. Quest'opera era appesa al Kunsthal Museum in Olanda ma venne trafugata nel 2012 insieme a un altro dipinto di Monet e a cinque opere di artisti famosi tra cui Matisse, Gauguin e Picasso. I perpetratori furono arrestati, ma i dipinti non vennero mai trovati. Una delle madri dei ladri affermò di aver bruciato i lavori per assolvere il figlio di coinvolgimento, ma in seguito negò tutto. Il valore dei quadri si attesta a 300 milioni.

10. Ritratto di donna, Gustav Klimt

Ritratto di donna, Gustav Klimt. 1916-17, olio su tela.
Ritratto di donna, Gustav Klimt. 1916-17, olio su tela.

L'artista austriaco Gustav Klimt è meglio conosciuto per il ritratto di Adele Bloch-Bauer, rubato dai nazisti nel 1941 e restituito ai legittimi proprietari nel 2006, che lo vendettero per 135 milioni di dollari al miliardario Ronald Lauder. Una sua opera meno conosciuta ancora dispersa è Ritratto di donna, realizzato nel 1916-17. La figura è stata dipinta sopra un'altra opera che si crede raffigurasse un'amante di Klimt morta tragicamente. Quando venne rubata, nel 1997, l'opera si trovava nella Galleria Ricci-Oddi di Piacenea, in Italia.

Annuncio
Annuncio