Cerca tra oltre 100 milioni di oggetti venduti nel nostro database dei prezzi

Piatto in maiolica lustrato in oro e dipinto in blu
Venduto

Descrizione dell'oggetto

Piatto in maiolica lustrato in oro e dipinto in blu\nattribuito a Nicola Francioli, Deruta, circa 1515-30, Centrato da busto di profilo d'Imperatore, sullo sfondo un paesaggio, in basso un leone affronta un drago, sul verso decoro a piume in blu ed etichetta cartacea di collezione; minime sbeccature sul bordo\nDiam. cm 19,5
IT
IT
IT

notes

BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

B.Rackham, Catalogue of Italian Maiolica, Victoria and Albert Museum, Londra, 1940, vol. II, Tav. 67, n. 460.

C. Fiocco e G. Gherardini, La ceramica di Deruta, Perugia, 1994, nn. 148, 149.

T. Wilson, Italian Maiolica of the Renaissance, Milano, 1996, n. 35.

G. Busti e F. Cocchi, 'Nicola Francioli detto 'Co': un pittore del Rinascimento', in Glaser, 2004, pp. 157-73.

T. Wilson, Italian Renaissance ceramics, A catalogue of the British Museum Collection, Londra, 2009, vol.II, nn. 255, 156.

Questo piatto, per la forma, lo stile pittorico, il contrasto cromatico tra il lustro in oro e il blu quasi monocromo e la decorazione del verso, è vicino ai due tondini del British Museum di Londra che T. Wilson (in op. cit., Londra, 2009, vol. II, cat. nn. 255, 256) riconduce al pittore Nicola Francioli.

Lo studioso, riprendendo le ricerche di Busti e Cocchi, grazie alle quali si è potuto identificare la firma del maestro derutese in 'Co', abbreviazione di Nicola, ha costituito una famiglia di piatti, caratterizzati dalla stessa cromia, forma e stile pittorico, che comprende alcuni pezzi già attribuiti al Maestro delle mattonelle del pavimento di San Francesco a Deruta, nonchè il tondino del Victoria and Albert Museum di Londra iscritto 'fatto in diruta' con una datazione, in parte abrasa, possibilmente del 1525, (B. Rackham op. cit.in Londra, 1940, vol. II, tav. 67, n. 430). Busti e Cocchi sono giunti alla conclusione che il 'Painter of the Diruta plate' del Rackham e il pittore che si firma 'Co' sono lo stesso artista.

T. Wilson include in questo gruppo il piatto dipinto con un amorino su un delfino appartenente  ad una Collezione privata di Assisi  ( vedi T. Wilson, op.cit. Milano, 1996, n. 35).

Il retro di questo piatto, decorato a piume blu, è identico a quello del tondino del Museo di Lhuny, illustrato da J. Chompret in Repertoire de la Majolique Italianne, Parigi, 1949, vol.II, fig. 289, p. 38.

Nicola di Pietro Francioli, noto tra il 1489 e il 1496, attivo fino al 1565, fu il pittore più importante di una delle principali botteghe di Deruta, zio di Giacomo Mancini, 'El Frate' e il principale artista che dipinse le mattonelle del pavimento di San Francesco a Deruta.


*Nota: il prezzo non corrisponde al valore odierno, ma si riferisce soltanto al reale prezzo di aggiudicazione al momento dell'acquisto.

*Nota: il prezzo non corrisponde al valore odierno, ma si riferisce soltanto al reale prezzo di aggiudicazione al momento dell'acquisto.


Annuncio
Annuncio

Lotti venduti

A large maiolica dish by Nicola da Urbino
Venduto
Vaso piriforme in maiolica dipinta in blu
Venduto
Piatto fondo in porcellana policroma
Ritirato

Piatto fondo in porcellana policroma

Prezzo raggiunto
950,000 EUR

Piatto in maiolica policroma
Ritirato

Piatto in maiolica policroma

Prezzo raggiunto
900,000 EUR

Teiera in maiolica policroma
Ritirato

Teiera in maiolica policroma

Prezzo raggiunto
900,000 EUR

Venduto

Maiolica dish by Xanto

Prezzo raggiunto
527,450 EUR

Venduto

AN ITALIAN MAIOLICA ISTORIATO CHARGER

Prezzo raggiunto
566,533 EUR

Ritirato

Specchiera in legno dipinto

Prezzo raggiunto
700,000 EUR

Ritirato

Zuppiera in ceramica bianca e blu

Prezzo raggiunto
500,000 EUR