La manifattura orologiera Jaeger-LeCoultre è stata fondata nel 1833 in Svizzera: da allora sono stati aggiunti meccanismi e calibri sempre più complessi. L’impeccabile precisione, l'estetica senza tempo e le decorazioni con metalli preziosi e diamanti hanno reso questi orologi un vero classico senza tempo.

Sinistra: il Jaeger-LeCoultre regalato alla regina Elisabetta in occasione del Diamond Jubilee nel 2012; destra: la Regina il giorno della sua incoronazione con il modello Calibro 101, 1953 Sinistra: il Jaeger-LeCoultre regalato alla regina Elisabetta in occasione del Diamond Jubilee nel 2012; destra: la Regina il giorno della sua incoronazione con il modello Calibro 101, 1953

Il brand ha attratto nel tempo clienti illustri, tra cui la regina Elisabetta II d'Inghilterra, che il 2 giugno 1953, giorno della sua incoronazione, indossava un Jaeger-LeCoultre Calibro 101 tempestato di diamanti. Questo modello, progettato nel 1929, è tuttora l’orologio con il movimento meccanico a carica manuale più piccolo al mondo. Nel 2012, la società ha presentato un orologio modello 101 in oro bianco e diamanti, in onore del Diamond Jubilee della Regina.

La Regina Elisabetta con il modello Jaeger-LeCoultre Calibro 101. La Regina Elisabetta con il modello Jaeger-LeCoultre Calibro 101.

Ecco la storia dietro il marchio leggendario.

Jaeger-LeCoultre: l’invenzione del tempo

La storia del marchio inizia nel XVI secolo, con l'esilio in Svizzera di Pierre LeCoultre (1530 - 1600), originario di Seine-et-Marne in Francia, a causa dell'intolleranza verso i riformatori che si opponevano agli ugonotti. Pierre LeCoultre ottenne lo status di abitante di Ginevra nel 1558, quando si stabilì con la sua famiglia in Canton Vaud.

Nel 1612, il figlio di Pierre LeCoultre costruì una chiesa sulla terra acquisita dal padre nella Vallée de Joux, che diventò in seguito il punto d'incontro di una piccola comunità. Nel corso del tempo prese forma una vera e propria città, chiamata Le Sentier. La famiglia LeCoultre entrò nel mondo dell'orologeria nel 1833 con la creazione di un laboratorio di orologeria a Le Sentier sotto la direzione di un discendente, Antoine LeCoultre (1803-1881), che aveva allora 30 anni e aveva già inventato una macchina per tagliare l'acciaio.

Solo dieci anni dopo, Antoine LeCoultre inventò il milionometro, lo strumento di misura più preciso che il mondo industrializzato avesse conosciuto sino ad allora e tre anni dopo progettò un meccanismo che consentiva a una chiave di attivare un congegno per regolare il tempo stringendo una molla.

La fama di Jaeger-LeCoultre

Antoine LeCoultre non fu solo un orologiaio e un ingegnoso inventore, ma anche un imprenditore visionario. La reputazione di Jaeger-LeCoultre in Svizzera gli permise di vincere una medaglia d'oro alla London World's Fair del 1851 (The Great Exhibition) per il suo lavoro di precisione e meccanica.

In un momento in cui i vari mestieri coinvolti nell'orologeria venivano esternalizzati, Antoine ha l'idea di riunirli sotto lo stesso tetto alla LeCoultre & Cie Factory, fondata nel 1866 con l'aiuto di Elie (1842-1917), il figlio di 24 anni. Il laboratorio di famiglia divenne "La Grande Maison de la Vallée de Joux" che nel 1870 impiegava già 500 persone e creò più di 350 calibri diversi, di cui più di un terzo aveva una funzione cronografica.

Orologi Extra-slim

All'inizio del XX secolo, l'orologiaio alsaziano Edmond Jaeger, con sede a Parigi dal 1880 e fornitore della Marina, lanciò un concorso per i principali marchi elvetici per sviluppare e produrre orologi ultrapiatti. Fu così che nel 1907 Jacques-David LeCoultre, nipote di Antoine, presentò il modello 145, l'orologio più piatto del mondo, inaugurando una lunga collaborazione tra LeCoultre, Jaeger e Cartier, basata su contratti esclusivi.

LeCoultre & Cie ha prodotto la maggior parte degli orologi bianchi di Patek Philippe a Ginevra fino agli anni Trenta. Dopo la morte di Edmond Jaeger nel 1922, il già consolidato rapporto tra le aziende parigine e svizzere portò nel 1937 alla creazione del marchio Jaeger-LeCoultre.

Il leggendario orologio modello Reverso, creato nel 1931, era stato originariamente progettato per resistere agli urti durante le partite di polo. Il suo stile Art Déco ha guadagnato importanza quando è stato indossato dall'aviatore pioniere Amelia Earhart. Tuttavia, tutti i seguenti modelli commercializzati, tra cui Futurematic, Powermatic, Memovox, Master, Gyrotourbillon, non sono arrivati ​​negli Stati Uniti con lo stesso nome. Diversi modelli continuarono a essere venduti con il solo nome di LeCoultre fino alla metà degli anni '80, causando una certa confusione tra i rivenditori e i collezionisti americani.

L’eredità della manifattura

L'azienda nata a Le Sentier è stata acquisita nel 2000 dal gruppo Richemont, con sede a Ginevra, specializzata nel settore del lusso e proprietaria di marchi come Vacheron Constantin, Montblanc e Cartier. Sotto la direzione di Daniel Riedo, Jaeger-LeCoultre ha celebrato l'85° anniversario del modello Reverso nel 2016 con la creazione di un nuovo modello "rispettoso della leggenda", sebbene ora dotato di un calibro automatico.

Nel 2009 è stata lanciata la Hybris Mechanica Grande Sonnerie (Westminster carillon), con circa 1.300 componenti e 50 funzioni: è il modello di orologio più costoso del marchio, valutato a oltre 1,4 milioni di dollari. L'eredità del marchio artigiano ha fatto sì che Jaeger-LeCoultre si affermasse come una delle principali società di orologi al mondo.

Scopri tutti i Jaeger-LeCoultre in asta su Barnebys!