Spring: la spinta vitale del design in asta da Della Rocca

‘Spring has sprung’ si dice in inglese, la primavera è arrivata e porta con sé una bella selezione di Design che andrà in asta da Della Rocca il prossimo 22 maggio.

Spring: la spinta vitale del design in asta da Della Rocca

Spring: un termine anglofono che non identifica solo la stagione primaverile ma anche un impeto di balzo in avanti, un salto verso qualcosa. Spring è tutto ciò che si proietta al di fuori: una piacevole sorpresa fuori da un pacco, una sorgente d’acqua che zampilla da una roccia, un fiore che sboccia sulla pianta… insomma, un qualcosa di inaspettato e nuovo.

Ecco che allora, la vendita dedicata al Design della casa d’aste Della Rocca propone una selezione che ha come obiettivo quello di valorizzare diversi oggetti rappresentativi di un linguaggio progettuale innovativo, legati alle diverse epoche in cui sono stati realizzati.

Spring Design vuole dare luce ai pezzi di design che hanno rinnovato un contesto socio-culturale, concentrandosi quindi sulla produzione dagli anni Sessanta ad oggi, con un particolare focus sui ‘60 e ‘70, anni simbolo per la libertà espressiva, la ricerca dell’individualità e dell’eccentricità.

Angelo Lelii

Lampada da terra mod. 12628

Prod. Arredoluce, 1965 ca.

Angelo Lelii, Lampada da terra mod. 12628
Prod. Arredoluce, 1965 ca. - h cm 212, diam. base cm 33, diam. diff. cm 45. Stima € 6.000 / 8.000. Foto © Casa d’Aste Della Rocca
Angelo Lelii, Lampada da terra mod. 12628 Prod. Arredoluce, 1965 ca. - h cm 212, diam. base cm 33, diam. diff. cm 45. Stima € 6.000 / 8.000. Foto © Casa d’Aste Della Rocca

L’illuminazione moderna deve molto ad Angelo Lelii. Nato ad Ancona, si trasferisce presto in Lombardia, prima a Milano, poi a Monza, dove - nella casa che condivideva con la moglie - iniziò a fabbricare lampade. Nel 1946 pubblicizzò la sua creazione Tris a Domus e l’anno dopo fondò Arredoluce, la sua azienda. Il suo nome inizia ad essere conosciuto: alla VIII Triennale di Milano espone la lampada 12128, che diverrà nota come ‘lampada da terra Triennale’. Come si evince dalla lampada in asta da Della Rocca, un modello 12628 del 1965, le sue creazioni si distinguono per le linee pulite e funzionali ma allo stesso tempo ricche di una complessità progettuale che ne determina l’estrema qualità.

Ettore Sottsass

Tavolino Le Strutture tremano

Prod. Alchimia, 1979 ca.

Ettore Sottsass, Tavolino Le Strutture tremano, Metallo laccato, legno laminato, cristallo molato. 
Prod. Alchimia, 1979 ca. -  cm 117x50x50. Stima € 3.500 / 4.500. Foto © Casa d’Aste Della Rocca
Ettore Sottsass, Tavolino Le Strutture tremano, Metallo laccato, legno laminato, cristallo molato. Prod. Alchimia, 1979 ca. - cm 117x50x50. Stima € 3.500 / 4.500. Foto © Casa d’Aste Della Rocca

Il Tavolino Le Strutture Tremano è un pezzo iconico di Sottsass della fine degli anni Settanta, prodotto da Alchimia, studio che aprì a tutti gli effetti la strada alla fondazione del gruppo Memphis. Già con Alchimia, le logiche funzionali degli oggetti venivano poste in secondo piano rispetto all’impeto creativo e al valore simbolico del design. Realizzato in metallo laccato, legno laminato e cristallo molato, questo tavolo riesce ad apparire al contempo solido e robusto, grazie alla base e ai cilindri che sostengono la parte centrale, composta solo da quattro sorprendenti “gambe tremolanti” in leggeri toni pastello e il piano in vetro.

Alessandro Mendini

Mobile libreria mod. Heliantus

Prod. Design Gallery, 1993

Alessandro Mendini, Mobile libreria mod. Heliantus 
Laminato rivestito in foglia d'oro e mosaico, fregio superiore in metallo cromato. Prod. Design Gallery, 1993 - cm 255x190x48. Foto © Casa d’Aste Della Rocca
Alessandro Mendini, Mobile libreria mod. Heliantus Laminato rivestito in foglia d'oro e mosaico, fregio superiore in metallo cromato. Prod. Design Gallery, 1993 - cm 255x190x48. Foto © Casa d’Aste Della Rocca

Dello studio Alchimia di cui abbiamo parlato sopra, Mendini era stato fondatore insieme ad Adriana Guerriero. Nella sua lunga e produttiva carriera, il designer scomparso all’inizio di quest’anno ha collaborato con numerose aziende, produttori e gallerie, tra le quali anche Design Gallery, che dagli anni Ottanta è un punto di riferimento nella ricerca per il design contemporaneo e che ha prodotto proprio la Libreria Heliantus nel 1993. Design Gallery Milano concentra le sue collezioni su edizioni limitate che, libere dai vincoli della produzione industriale, definiscono la chiave espressiva e lo stile di ogni designer. La Heliantus è un oggetto prezioso: il laminato infatti è rivestito in foglia d'oro e mosaico, mentre il fregio superiore è  in metallo cromato.

Guido Drocco, Franco Mello

Appendiabiti Cactus

Prod. Gufram, 2007

Guido Drocco, Franco Mello, Appendiabiti Cactus,
Poliuretano espanso trattato con vernice Guflac bianca. Prod. Gufram, 2007, cm 167x70x67. Stima € 5.000 / 6.000. Foto © Casa d’Aste Della Rocca
Guido Drocco, Franco Mello, Appendiabiti Cactus, Poliuretano espanso trattato con vernice Guflac bianca. Prod. Gufram, 2007, cm 167x70x67. Stima € 5.000 / 6.000. Foto © Casa d’Aste Della Rocca

Disegnato nel 1972 da Guido Drocco e Franco Mello, l’appendiabiti Cactus è un'icona del design pop degli anni Settanta. Inizialmente prodotto in color verde smeraldo, questo elemento domestico di uso quotidiano si è trasformato in oggetto decorativo che ha completamente rivoluzionato il paesaggio casalingo. Negli anni il Cactus è stato re-interpretato in vari colori, seguendo lo stile del momento. Questa edizione in bianco, in asta da Della Rocca, è del 2007. Nel 2012, in in occasione del quarantesimo anniversario dalla nascita del primo esemplare, è stata prodotta un’edizione limitata color Arancio e Lime, battezzata Metacactus.

L’asta Spring Design è davvero imperdibile per gli appassionati di Design Italiano. I lotti sono in totale 577 e la vendita sarà suddivisa in due turni, il primo mercoledì 22 e il secondo il giorno dopo, il 23, entrambi alle ore 16.

E per chi si stesse chiedendo di quei meravigliosi piatti in copertina, eccoli qui! Sono di Piero Fornasetti, in porcellana e fanno parte della serie Giostra di Frutta degli anni Sessanta.

Piero Fornasetti, Sei piatti della serie Giostra di frutta, porcellana, prod. Fornasetti, 1965 ca.
h cm 2,5, diam. cm 26. Foto © Casa d’Aste Della Rocca
Piero Fornasetti, Sei piatti della serie Giostra di frutta, porcellana, prod. Fornasetti, 1965 ca. h cm 2,5, diam. cm 26. Foto © Casa d’Aste Della Rocca

Scopri tutti i lotti di Spring Design su Barnebys!

Advert
Advert