Si tratta di un grande bozzetto preparatorio del grande maestro fiammingo, uno studio di figura umana di un giovane muscoloso intento nella spinta di un peso usato per una delle più grandi commissioni di Rubens, l’Innalzamento della Croce, un olio su tavola realizzato nel 1610 e conservato nella Cattedrale di Nostra Signora di Anversa. L’opera verrà battuta all'asta Old Masters Drawings di Sotheby's che si terrà a New York il 30 gennaio. Il bozzetto, che è stato di proprietà alla famiglia reale olandese dal 1830, è paragonabile per importanza a poche altre opere di Rubens che sono state messe all'asta dalla metà del 1900.

Pierre Paul Rubens, Studio di nudo, giovane uomo a mani alzate, immagine ©Sotheby's Pierre Paul Rubens, Studio di nudo di un giovane uomo a mani alzate, immagine ©Sotheby's

Anche la provenienza dell’opera ha dell’eccezionale: inizialmente appartenuto all'artista olandese e amante dello stesso Rubens, Jacob de Wit, è poi passato di proprietà all'artista e collezionista britannico Sir Thomas Lawrence, nonché presidente della Royal Academy di Londra. Nel 1830 fu poi acquistato del Re Guglielmo II d’Olanda ed appeso tra capolavori di Raffaello, Michelangelo, Leonardo e Rembrandt in una delle più importanti collezioni d’arte di quel tempo. È rimasto quindi in possesso della famiglia reale olandese.

Innalzamento della Croce, Cattedrale di Nostra Signora di Anversa, immagine via Smarthistory Innalzamento della Croce, Cattedrale di Nostra Signora di Anversa, immagine via Smarthistory

Realizzato con chiarezza e tecnica magistrale, l’opera rappresenta il genio creativo dell’artista: la figura arriva ai bordi del foglio ma, nonostante il taglio delle mani nell'angolo in alto, la figura è caratterizzata da dimensioni precise. L’energia sprigionata dalle sapienti mani del maestro fiammingo lo portava spesso ad esaurire lo spazio a disposizione, per questo non era insolita la mancanza di mani o piedi di un soggetto su foglio, completati poi in studi e bozzetti separati.

Innalzamento della Croce, Cattedrale di Nostra Signora di Anversa, immagine via Smarthistory Innalzamento della Croce, Cattedrale di Nostra Signora di Anversa, immagine via Smarthistory

Nonostante la marcata chiarezza del profilo del personaggio si può presumere che Rubens stesse ancora elaborando il suo esatto posizionamento quando ha terminato lo schizzo. La gamba sinistra dell’uomo è stata inizialmente disegnata più curva e in avanti rispetto alla versione finale poi dipinta, in cui la gamba sinistra è più vicina alla destra.

Dettaglio: Innalzamento della Croce, Cattedrale di Nostra Signora di Anversa, immagine via Flickr Dettaglio: Innalzamento della Croce, Cattedrale di Nostra Signora di Anversa, immagine via Flickr

Nell'Innalzamento della Croce la figura abbozzata si riconosce poi in un soldato riparato dall’armatura. La pratica di studiare una figura nuda per poi realizzare la versione finale coperta o vestita, è una tecnica che Rubens apprese durante il suo soggiorno in Italia. Influenzato dai maestri del Rinascimento, Michelangelo, Raffaello, Correggio, Mantegna e Tiziano, in questo periodo italiano Rubens cambiò la sua abilità artistica sotto vari aspetti. In quest’opera si sentono in particolare le influenze di Michelangelo e quelle Barocche di Carracci, artista con cui Rubens lavorò durante il suo soggiorno a Roma.

L’opera, stimata tra i 2,5 e i 3,5 milioni di dollari verrà battuta all'asta di Sotheby's Old Masters Drawings il 30 gennaio alle 10:00 a New York.

Scopri tutti i lotti di Sotheby's su Barnebys!

Commento