Gioielli, monete e orologi 

Ad aprire la settimana sarà l’asta di gioielli e monete, che si terrà il 18 aprile alle ore 10:00 presso la sede di Berlino di Historia Auktionshaus. Come per tutte le altre aste, sarà possibile partecipare in diretta e fare offerte live. Tra gli highlight di questa prima sessione segnaliamo un anello di platino con un grosso diamante da 6 carati e un Rolex GMT-Master 2 tempestato di diamanti.

L’offerta è molto varia e rende l’asta particolarmente indicata a chi desidera aggiudicarsi un prezioso gioiello ad un prezzo moderato: sono oltre 500 lotti di questa sezione che hanno un prezzo di partenza che va dai 100 ai 500 euro. A seguire, giovedì 19 aprile alle 10:00, un’ampia selezione di orologi da polso e da taschino e una collezione composta da 160 monete di diverse epoche.

Argenteria, orologi e sculture 

Giovedì 19 sarà la volta di una sezione eterogenea di lotti: oggetti in argento (ore 10:00), orologi (15:00) e sculture (16:30), per un totale di 852 pezzi. Tra gli argenti susciterà interesse il lotto 770, un magnifico centrotavola di probabile provenienza tedesca risalente al XIX secolo con un prezzo di partenza di 1.800 euro. Seguirà un eccentrico portaspezie a forma di torre di provenienza austriaca. Il pezzo, risalente al 1862, rievoca la tradizione ebraica dei portaspezie utilizzati durante il Shabbat.

Arte moderna e contemporanea

Venerdì 20 sarà il giorno clou per gli appassionati di arte moderna e contemporanea. L’appuntamento è alle 10 per i dipinti del XIX e XX secolo e per l’arte contemporanea, mentre alle 16:00 ci sarà una sessione dedicata ai dipinti realizzati prima del XVIII secolo.

Tra le opere di antichi e nuovi maestri ce ne sono alcune che meritano una menzione speciale. Come la bellissima veduta di “Brocken” per mano di Ernst Helbig (1802-1866), allievo di Dahl, o il grande disegno del prussiano Otto Pankok che ritrae un avventore al bancone di una taverna.

La sezione dei dipinti e dei disegni del 1800 è davvero ampia e copre ogni paese: dalla Francia di François Gabriel Guillaume Lepaulle e Charles Théodore Sauvageot, alla Germania di Otto Pippel e Max Hoenow, alla Danimarca di Frederik Christian Jacobsen Kiærskou, all’Olanda di W. Verhave. Come per la sessione della giornata precedente, la maggioranza delle stime è moderata.

Eterogeneo anche il catalogo di arte contemporanea, con lotti che vanno dai 15.000 agli 80 euro. Un highlight della sezione è una bellissima fotografia di Massimo Vitali (1944-) del 1998. Proveniente dalla Galleria Ernst Hilger di Vienna, l’opera ha una base d'asta 15000 euro ed è seguita da un Hubert Schmalix (1952-), importante artista austriaco della "Nuova pittura" che studiò dal 1971 al 1976 all'Accademia di Belle Arti di Vienna con Max Melcher. Questo grande dipinto ad olio su tela, firmato e datato "Schmalix 03" ha una base d'asta di 7500 euro.

Porcellana, vetro e cristallo

Dopo qualche giorno di pausa, le aste riprenderanno il 25 aprile con una vasta selezione di porcellana, vetro e cristallo e il 26 aprile con una sessione dedicata agli oggetti da collezione. A chiudere questo mese fitto di appuntamenti saranno oggetti asiatici, mobili e tappeti: l’appuntamento è per il 27 aprile alle ore 10:00.

I cataloghi e gli orari delle aste sono consultabili online sul sito di Historia Auktionshaus. È possibile partecipare alle aste e fare offerte anche direttamente da casa, previa registrazione attraverso la sezione Live-auction.

Scopri su Barnebys tutti i lotti delle aste!

Commento